Negrita

La Teatrale: Reset Celebration

Arriva a Lugano una delle rock-band più longeve e amate degli ultimi anni per festeggiare i 25 anni di attività!

"Come vi avevamo annunciato, non abbiamo alcuna intenzione di fermare i festeggiamenti. Abbiamo ricaricato le batterie  - hanno dichiarato i Negrita - e siamo pronti per ripartire per un tour che grazie a voi si è rivelato essere  uno dei migliori della nostra carriera. Nel frattempo, anche Reset ha compiuto gli anni, quindi perché non approfittarne per rispolverare qualcosa che non suoniamo da un po'? Insomma, aiutateci a cominciare i prossimi venticinque anni come avete fatto fino ad ora!”
 
Continuano le celebrazioni in casa NEGRITA.  L'anno che ha visto la celebre rock band tornare protagonista assoluta della scena musicale italiana, non poteva che concludersi  con l'annuncio di un nuovo tour. 
Naturale seguito di due recenti tournée di concerti realizzati in sale teatrali, che hanno registrato decine di sold out e sono state accolte da unanime entusiasmo di pubblico e critica, il nuovo anno vedrà la Band tornare on the road  a partire dal gennaio 2020;  è come se si stesse sviluppando il naturale proseguimento di un percorso iniziato grazie alla partecipazione al 69esimo Festival di Sanremo.

24/01/2020 , ore 20:30
Palazzo dei Congressi - Lugano

Arriva a Lugano una delle rock-band più longeve e amate degli ultimi anni per festeggiare i 25 anni di attività!

"Come vi avevamo annunciato, non abbiamo alcuna intenzione di fermare i festeggiamenti. Abbiamo ricaricato le batterie  - hanno dichiarato i Negrita - e siamo pronti per ripartire per un tour che grazie a voi si è rivelato essere  uno dei migliori della nostra carriera. Nel frattempo, anche Reset ha compiuto gli anni, quindi perché non approfittarne per rispolverare qualcosa che non suoniamo da un po'? Insomma, aiutateci a cominciare i prossimi venticinque anni come avete fatto fino ad ora!”
 
Continuano le celebrazioni in casa NEGRITA.  L'anno che ha visto la celebre rock band tornare protagonista assoluta della scena musicale italiana, non poteva che concludersi  con l'annuncio di un nuovo tour. 
Naturale seguito di due recenti tournée di concerti realizzati in sale teatrali, che hanno registrato decine di sold out e sono state accolte da unanime entusiasmo di pubblico e critica, il nuovo anno vedrà la Band tornare on the road  a partire dal gennaio 2020;  è come se si stesse sviluppando il naturale proseguimento di un percorso iniziato grazie alla partecipazione al 69esimo Festival di Sanremo.

Paolo Cevoli

La Bibbia

La Bibbia è il Libro dei Libri, il Best Seller dei best sellers, da tutti conosciuto anche se forse non da tutti letto. Paolo Cevoli vuole rileggere quelle storie come una grande rappresentazione teatrale dove Dio è il “capocomico” che si vuole rappresentare e far conoscere sul palcoscenico dell’universo. Dio è il “Primo Attore” che convoca come interpreti i grandi personaggi della Bibbia.
E forse anche ognuno di noi è protagonista e attore e può scoprire anche l’ironia e la comicità di quella Grande Storia. Cevoli è un giocoliere della parola, un comico con il gusto della provocazione e un linguaggio appuntito. In questo spettacolo-monologo presenta alcuni grandi personaggi dell’Antico Testamento mettendo in evidenza le loro fragilità e incoerenze, perché in fondo le Scritture affrontano temi di grande attualità, dalle migrazioni al rapporto tra padri e figli.

08/02/2020 , ore 20:30
Teatro Sociale - Como

La Bibbia è il Libro dei Libri, il Best Seller dei best sellers, da tutti conosciuto anche se forse non da tutti letto. Paolo Cevoli vuole rileggere quelle storie come una grande rappresentazione teatrale dove Dio è il “capocomico” che si vuole rappresentare e far conoscere sul palcoscenico dell’universo. Dio è il “Primo Attore” che convoca come interpreti i grandi personaggi della Bibbia.
E forse anche ognuno di noi è protagonista e attore e può scoprire anche l’ironia e la comicità di quella Grande Storia. Cevoli è un giocoliere della parola, un comico con il gusto della provocazione e un linguaggio appuntito. In questo spettacolo-monologo presenta alcuni grandi personaggi dell’Antico Testamento mettendo in evidenza le loro fragilità e incoerenze, perché in fondo le Scritture affrontano temi di grande attualità, dalle migrazioni al rapporto tra padri e figli.

PUCCI

Il Meglio di...

ANDREA PUCCI
presenta

Il MEGLIO  Di…

di e con Andrea Baccan
Con la partecipazione della ZURAWSKI Live Band

Regia di Dino Pecorella

 

Il Nuovo spettacolo Di Andrea Pucci

Il suo Nuovo One-man show sarà un work in Progress ripercorrendo FUORI DAGLI SCHEMI TEATRALI gli scheck che lo hanno reso celebre in questi anni fino ad oggi rendendo partecipe il pubblico in sala,  il tutto  accompagnato dalla Zurawski live  band.

18-19/02/2020 , ore 20:30
Palazzo dei Congressi - Lugano

ANDREA PUCCI
presenta

Il MEGLIO  Di…

di e con Andrea Baccan
Con la partecipazione della ZURAWSKI Live Band

Regia di Dino Pecorella

 

Il Nuovo spettacolo Di Andrea Pucci

Il suo Nuovo One-man show sarà un work in Progress ripercorrendo FUORI DAGLI SCHEMI TEATRALI gli scheck che lo hanno reso celebre in questi anni fino ad oggi rendendo partecipe il pubblico in sala,  il tutto  accompagnato dalla Zurawski live  band.

Virginia Raffaele

Virginia Raffaele torna a Como con il suo nuovo spettacolo

25/02/2020 , ore 21:00
Teatro Sociale - Como

Virginia Raffaele torna a Como con il suo nuovo spettacolo

Ghost

Il Musical

Un’appassionante storia d’amore capace ancora oggi di far sognare generazioni. Romanticismo, thriller e commedia per un musical senza tempo che ci commuove sulle note della bellissima colonna sonora creata da dove non manca l’indimenticabile brano Unchained Melody dei The Righteous Brothers. Trasposizione fedele del cult-movie della Paramount, tra i maggiori successi del cinema di tutti i tempi e vincitore dell’Oscar per la sceneggiatura, e? riscritto per il palcoscenico dallo stesso sceneggiatore, Bruce Joel Rubin. Molly, Sam e la travolgente sensitiva Oda Mae Brown lasceranno il pubblico senza fiato in questa nuova versione italiana.

6-7/3/2020 , ore 20:30
Sala Teatro LAC - Lugano

Un’appassionante storia d’amore capace ancora oggi di far sognare generazioni. Romanticismo, thriller e commedia per un musical senza tempo che ci commuove sulle note della bellissima colonna sonora creata da dove non manca l’indimenticabile brano Unchained Melody dei The Righteous Brothers. Trasposizione fedele del cult-movie della Paramount, tra i maggiori successi del cinema di tutti i tempi e vincitore dell’Oscar per la sceneggiatura, e? riscritto per il palcoscenico dallo stesso sceneggiatore, Bruce Joel Rubin. Molly, Sam e la travolgente sensitiva Oda Mae Brown lasceranno il pubblico senza fiato in questa nuova versione italiana.

Teresa Mannino

Sento la terra girare - SPECIALE FESTA DELLA DONNA

Stiamo per estinguerci al ritmo di zumba! Temi drammatici, quasi apocalittici, resi al pubblico in chiave comica. Teresa Mannino fa divertire, trattando i problemi del pianeta in Sento la terra girare.

Sento la terra girare è la sensazione che la comica siciliana, nata a Zelig, racconta nel suo ultimo lavoro teatrale, scritto da lei e da Giovanna Donini, e ispirato alla sua amata Sicilia. Un testo semplice che coniuga un tema importante come quello della salvaguardia per l’ambiente, con temi “più leggeri”, rendendo lo spettacolo ricco di argomenti. Con il suo inconfondibile tocco ironico, attento, disincantato e mai banale, Mannino racconta la disattenzione e l’indifferenza di noi uomini nei confronti della “nostra casa”, il pianeta terra.

La comica si presenta come se, dopo essere vissuta per anni rinchiusa in un armadio, uscisse all’improvviso, scoprendo che a causa dello scioglimento dei ghiacci i Poli sono destinati a scomparire, le stagioni sono cambiate e l’asse terrestre si sta spostando.

Fuori dall’armadio scopro che il mondo va a rotoli, rotoli di carta igienica. Allora, cerco delle strategie: non uso più rotoli, di nessun tipo, chiudo l’acqua mentre mi insapono, tengo spente le luci dell’albero di Natale, vendo la macchina e faccio l’orto sul balcone. Ma ciò non migliora la situazione del pianeta e in più mi sono complicata la vita. La strategia deve essere un’altra. Decido di richiudermi nell’armadio, ma l’armadio non è più lo stesso, dentro quell’armadio sento la Terra girare. (Teresa Mannino)

 

08/03/2020 , ore 20.30
Sala Teatro LAC - Lugano

Stiamo per estinguerci al ritmo di zumba! Temi drammatici, quasi apocalittici, resi al pubblico in chiave comica. Teresa Mannino fa divertire, trattando i problemi del pianeta in Sento la terra girare.

Sento la terra girare è la sensazione che la comica siciliana, nata a Zelig, racconta nel suo ultimo lavoro teatrale, scritto da lei e da Giovanna Donini, e ispirato alla sua amata Sicilia. Un testo semplice che coniuga un tema importante come quello della salvaguardia per l’ambiente, con temi “più leggeri”, rendendo lo spettacolo ricco di argomenti. Con il suo inconfondibile tocco ironico, attento, disincantato e mai banale, Mannino racconta la disattenzione e l’indifferenza di noi uomini nei confronti della “nostra casa”, il pianeta terra.

La comica si presenta come se, dopo essere vissuta per anni rinchiusa in un armadio, uscisse all’improvviso, scoprendo che a causa dello scioglimento dei ghiacci i Poli sono destinati a scomparire, le stagioni sono cambiate e l’asse terrestre si sta spostando.

Fuori dall’armadio scopro che il mondo va a rotoli, rotoli di carta igienica. Allora, cerco delle strategie: non uso più rotoli, di nessun tipo, chiudo l’acqua mentre mi insapono, tengo spente le luci dell’albero di Natale, vendo la macchina e faccio l’orto sul balcone. Ma ciò non migliora la situazione del pianeta e in più mi sono complicata la vita. La strategia deve essere un’altra. Decido di richiudermi nell’armadio, ma l’armadio non è più lo stesso, dentro quell’armadio sento la Terra girare. (Teresa Mannino)

 

Giorgio Panariello

La favola mia

Il 2020 sarà un anno speciale per Giorgio Panariello che compie 60 anni e festeggia i 20 anni di carriera dal grandissimo successo di “Torno sabato”. E non poteva che scegliere il palco per celebrare questi importanti traguardi con un nuovo imperdibile tour che da marzo lo vedrà protagonista nei teatri italiani.

Dopo aver conquistato le platee di tutta Italia accanto agli amici di sempre Carlo Conti e Leonardo Pieraccioni, il comico toscano si prepara infatti a tornare con “LA FAVOLA MIA”, un one man show unico in pieno stile “Panariello”. Tante risate, un pizzico di irriverenza, attualità e grandi classici del suo repertorio: saranno questi gli ingredienti di questo nuovo spettacolo in cui Panariello racconta e si racconta ripercorrendo in una veste inedita e attuale i 20 anni che lo hanno visto protagonista tra teatro, cinema e televisione.

 

25/03/2020 , ore 20:30
Palazzo dei Congressi - Lugano

Il 2020 sarà un anno speciale per Giorgio Panariello che compie 60 anni e festeggia i 20 anni di carriera dal grandissimo successo di “Torno sabato”. E non poteva che scegliere il palco per celebrare questi importanti traguardi con un nuovo imperdibile tour che da marzo lo vedrà protagonista nei teatri italiani.

Dopo aver conquistato le platee di tutta Italia accanto agli amici di sempre Carlo Conti e Leonardo Pieraccioni, il comico toscano si prepara infatti a tornare con “LA FAVOLA MIA”, un one man show unico in pieno stile “Panariello”. Tante risate, un pizzico di irriverenza, attualità e grandi classici del suo repertorio: saranno questi gli ingredienti di questo nuovo spettacolo in cui Panariello racconta e si racconta ripercorrendo in una veste inedita e attuale i 20 anni che lo hanno visto protagonista tra teatro, cinema e televisione.

 

Ghost

Il Musical

Un’appassionante storia d’amore capace ancora oggi di far sognare generazioni. Romanticismo, thriller e commedia per un musical senza tempo che ci commuove sulle note della bellissima colonna sonora creata da dove non manca l’indimenticabile brano Unchained Melody dei The Righteous Brothers. Trasposizione fedele del cult-movie della Paramount, tra i maggiori successi del cinema di tutti i tempi e vincitore dell’Oscar per la sceneggiatura, e? riscritto per il palcoscenico dallo stesso sceneggiatore, Bruce Joel Rubin. Molly, Sam e la travolgente sensitiva Oda Mae Brown lasceranno il pubblico senza fiato in questa nuova versione italiana.

27/03/2020 , ore 20:30
Teatro Sociale - Como

Un’appassionante storia d’amore capace ancora oggi di far sognare generazioni. Romanticismo, thriller e commedia per un musical senza tempo che ci commuove sulle note della bellissima colonna sonora creata da dove non manca l’indimenticabile brano Unchained Melody dei The Righteous Brothers. Trasposizione fedele del cult-movie della Paramount, tra i maggiori successi del cinema di tutti i tempi e vincitore dell’Oscar per la sceneggiatura, e? riscritto per il palcoscenico dallo stesso sceneggiatore, Bruce Joel Rubin. Molly, Sam e la travolgente sensitiva Oda Mae Brown lasceranno il pubblico senza fiato in questa nuova versione italiana.

The Legend of Morricone

Tributo alle grandi musiche del Maestro Ennio Morricone. Con l'Ensemble Symphony Orchestra un incredibile viaggio attraverso la musica e le atmosfere del grande compositore italiano.

28/03/2020 , ore 20:30
Palazzo dei Congressi - Lugano

Tributo alle grandi musiche del Maestro Ennio Morricone. Con l'Ensemble Symphony Orchestra un incredibile viaggio attraverso la musica e le atmosfere del grande compositore italiano.

Teresa Mannino

Sento la terra girare

Stiamo per estinguerci al ritmo di zumba! Temi drammatici, quasi apocalittici, resi al pubblico in chiave comica. Teresa Mannino fa divertire, trattando i problemi del pianeta in Sento la terra girare.

Sento la terra girare è la sensazione che la comica siciliana, nata a Zelig, racconta nel suo ultimo lavoro teatrale, scritto da lei e da Giovanna Donini, e ispirato alla sua amata Sicilia. Un testo semplice che coniuga un tema importante come quello della salvaguardia per l’ambiente, con temi “più leggeri”, rendendo lo spettacolo ricco di argomenti. Con il suo inconfondibile tocco ironico, attento, disincantato e mai banale, Mannino racconta la disattenzione e l’indifferenza di noi uomini nei confronti della “nostra casa”, il pianeta terra.

La comica si presenta come se, dopo essere vissuta per anni rinchiusa in un armadio, uscisse all’improvviso, scoprendo che a causa dello scioglimento dei ghiacci i Poli sono destinati a scomparire, le stagioni sono cambiate e l’asse terrestre si sta spostando.

Fuori dall’armadio scopro che il mondo va a rotoli, rotoli di carta igienica. Allora, cerco delle strategie: non uso più rotoli, di nessun tipo, chiudo l’acqua mentre mi insapono, tengo spente le luci dell’albero di Natale, vendo la macchina e faccio l’orto sul balcone. Ma ciò non migliora la situazione del pianeta e in più mi sono complicata la vita. La strategia deve essere un’altra. Decido di richiudermi nell’armadio, ma l’armadio non è più lo stesso, dentro quell’armadio sento la Terra girare. (Teresa Mannino)

31/03/2020 , ore 20:30
Teatro Sociale - Como

Stiamo per estinguerci al ritmo di zumba! Temi drammatici, quasi apocalittici, resi al pubblico in chiave comica. Teresa Mannino fa divertire, trattando i problemi del pianeta in Sento la terra girare.

Sento la terra girare è la sensazione che la comica siciliana, nata a Zelig, racconta nel suo ultimo lavoro teatrale, scritto da lei e da Giovanna Donini, e ispirato alla sua amata Sicilia. Un testo semplice che coniuga un tema importante come quello della salvaguardia per l’ambiente, con temi “più leggeri”, rendendo lo spettacolo ricco di argomenti. Con il suo inconfondibile tocco ironico, attento, disincantato e mai banale, Mannino racconta la disattenzione e l’indifferenza di noi uomini nei confronti della “nostra casa”, il pianeta terra.

La comica si presenta come se, dopo essere vissuta per anni rinchiusa in un armadio, uscisse all’improvviso, scoprendo che a causa dello scioglimento dei ghiacci i Poli sono destinati a scomparire, le stagioni sono cambiate e l’asse terrestre si sta spostando.

Fuori dall’armadio scopro che il mondo va a rotoli, rotoli di carta igienica. Allora, cerco delle strategie: non uso più rotoli, di nessun tipo, chiudo l’acqua mentre mi insapono, tengo spente le luci dell’albero di Natale, vendo la macchina e faccio l’orto sul balcone. Ma ciò non migliora la situazione del pianeta e in più mi sono complicata la vita. La strategia deve essere un’altra. Decido di richiudermi nell’armadio, ma l’armadio non è più lo stesso, dentro quell’armadio sento la Terra girare. (Teresa Mannino)

Pintus

Destinati all'estinzione

C’è chi parla con il cane e lo fa mentre lo veste, c’è chi guida mentre manda messaggi con il cellulare e c’è chi vuole fare la rivoluzione ma la fa solo su Facebook, c’è chi parcheggia la macchina nel posto riservati ai disabili “tanto sono 5 solo minuti”.

C’è chi festeggia il complemese, chi dice ciaone e chi fa l’Apericena.
Ma soprattutto c’è chi crede che la terra sia piatta e probabilmente si è anche convinto che la colpa sia di Silvio.
Sono questi i piccoli segnali che fanno presagire un ritorno... quello dei Dinosauri.
Amici miei, che ci piaccia o no, siamo
“DESTINATI ALL’ESTINZIONE”.

07-08/04/2020 , ore 21:00
Teatro Sociale - Como

C’è chi parla con il cane e lo fa mentre lo veste, c’è chi guida mentre manda messaggi con il cellulare e c’è chi vuole fare la rivoluzione ma la fa solo su Facebook, c’è chi parcheggia la macchina nel posto riservati ai disabili “tanto sono 5 solo minuti”.

C’è chi festeggia il complemese, chi dice ciaone e chi fa l’Apericena.
Ma soprattutto c’è chi crede che la terra sia piatta e probabilmente si è anche convinto che la colpa sia di Silvio.
Sono questi i piccoli segnali che fanno presagire un ritorno... quello dei Dinosauri.
Amici miei, che ci piaccia o no, siamo
“DESTINATI ALL’ESTINZIONE”.

I Legnanesi

Non ci resta che ridere

Dopo il nuovo record di oltre 170.000 spettatori nella scorsa stagione, I Legnanesi tornano a grande richiesta anche nella stagione 2019/2020 con il nuovo spettacolo Non ci resta che ridere per trascorrere due ore spensierate insieme alla Famiglia Colombo e lasciarsi incantare dai sontuosi quadri della Rivista all’Italiana: I Legnanesi, ancora una volta, vi stupiranno!

15-16-17-18-19/04/2020 , ore 20:30 /16:00
Teatro Sociale - Como

Dopo il nuovo record di oltre 170.000 spettatori nella scorsa stagione, I Legnanesi tornano a grande richiesta anche nella stagione 2019/2020 con il nuovo spettacolo Non ci resta che ridere per trascorrere due ore spensierate insieme alla Famiglia Colombo e lasciarsi incantare dai sontuosi quadri della Rivista all’Italiana: I Legnanesi, ancora una volta, vi stupiranno!

Davide Van De Sfroos

Anteprima Tour 2020

DAVIDE VAN DE SFROOS
L’11 MAGGIO AL TEATRO DAL VERME DI MILANO
PER UN CONCERTO ESCLUSIVO
IN OCCASIONE DEL SUO COMPLEANNO
ANTEPRIMA UFFICIALE DEL TOUR 2020

PREVENDITE DISPONIBILI SU CIRCUITO TICKETONE.IT

L’11 maggio il cantautore e scrittore DAVIDE VAN DE SFROOS festeggia il giorno del suo compleanno insieme ai fan e il pubblico che da sempre lo segue e lo sostiene con un concerto esclusivo al Teatro Dal Verme di MILANO (Via San Giovanni sul Muro, 2 – ore 21.00).
L’evento si concretizza come l’Anteprima Ufficiale Del Tour 2020 dell’artista lombardo.

Le prevendite del concerto saranno disponibili su circuito Ticketone.it e sul circuito interno del teatro.

11/05/2020 , ore 21:00
Teatro dal Verme, Milano

DAVIDE VAN DE SFROOS
L’11 MAGGIO AL TEATRO DAL VERME DI MILANO
PER UN CONCERTO ESCLUSIVO
IN OCCASIONE DEL SUO COMPLEANNO
ANTEPRIMA UFFICIALE DEL TOUR 2020

PREVENDITE DISPONIBILI SU CIRCUITO TICKETONE.IT

L’11 maggio il cantautore e scrittore DAVIDE VAN DE SFROOS festeggia il giorno del suo compleanno insieme ai fan e il pubblico che da sempre lo segue e lo sostiene con un concerto esclusivo al Teatro Dal Verme di MILANO (Via San Giovanni sul Muro, 2 – ore 21.00).
L’evento si concretizza come l’Anteprima Ufficiale Del Tour 2020 dell’artista lombardo.

Le prevendite del concerto saranno disponibili su circuito Ticketone.it e sul circuito interno del teatro.

Paolo Conte

50 years of Azzurro

25.06 Giovedì, ore 21:00

Piazza Riforma, Lugano

Torna a Lugano uno straordinario interprete della musica d'autore italiana.

Il 25 Giugno 2020 Paolo Conte accompagnato dalla sua orchestra sarà nella splendida Piazza Riforma di Lugano per un imperdibile appuntamento.

Un concerto unico per celebrare i 50 anni di “Azzurro”, il primo brano interpretato allora da Adriano Celentano, che ha portato Paolo Conte ad essere conosciuto in Italia e nel mondo.

Polistrumentista, pittore ed ex avvocato, Conte sarà accompagnato da un ensemble orchestrale. Una serata in cui si potranno ascoltare brani composti da Conte in epoche differenti - dagli anni Novanta ai giorni nostri – lavori che il cantautore astigiano ha composto per colonne sonore teatrali e non solo.

25/06/2020 , ore 21:00
Piazza della Riforma - Lugano

25.06 Giovedì, ore 21:00

Piazza Riforma, Lugano

Torna a Lugano uno straordinario interprete della musica d'autore italiana.

Il 25 Giugno 2020 Paolo Conte accompagnato dalla sua orchestra sarà nella splendida Piazza Riforma di Lugano per un imperdibile appuntamento.

Un concerto unico per celebrare i 50 anni di “Azzurro”, il primo brano interpretato allora da Adriano Celentano, che ha portato Paolo Conte ad essere conosciuto in Italia e nel mondo.

Polistrumentista, pittore ed ex avvocato, Conte sarà accompagnato da un ensemble orchestrale. Una serata in cui si potranno ascoltare brani composti da Conte in epoche differenti - dagli anni Novanta ai giorni nostri – lavori che il cantautore astigiano ha composto per colonne sonore teatrali e non solo.

MyNina Spettacoli Sagl. - Via Valdani, 1 - 6830 Chiasso (Svizzera) - CHE-289.802.203

webdesign ovosodo